Grande guerra

grande-guerra1

grande-guerra2

grande-guerra3

VISITE GUIDATE A MONTE PIANA

Calendario uscite 2019: 19.06/ 26.06/ 03.07/ 10.07/ 17.07/ 24.07/ 31.07/ 07.08/ 28.08/ 04.09

Prezzi: adulti 10€, bambini 5-12 anni 5€, bambini fino a 4 anni gratuito

Punto di ritrovo al Ristorante Genzianella alle ore 09.30 – la navetta per il Rifugio Bosi non è inclusa nel prezzo

Prenotazioni entro le 17.00 del giorno precedente:

Consorzio Turistico Tre Cime Dolomiti +39 0435 99603

Associazione Turistica Dobbiaco +39 0474 972132

PROGRAMMA CULTURALE

programma grande guerra auronzo 2017


MUSEO PALAZZO CORTE METTO – via Dante 4, Terzo Piano (sede ANA Sezione di Auronzo)

Collezione di reperti e fotografie dei due conflitti mondiali

Date e orari di apertura 2018: da sabato 30 giugno a domenica 09 settembre dalle 16.00 alle 19.30

Info: ANA AURONZO +39 329 1696068

La Prima Guerra Mondiale ha lasciato segni e ferite profondi nel territorio di Auronzo Misurina. La linea del fronte austro-italiano passava proprio sulle creste delle montagne che circondano la valle: trincee, camminamenti, monumenti e reperti sono ancora visibili, in particolare a Monte Piana, con il suo “museo all’aperto” e quello storico del Rifugio Bosi.

Le Gallerie del Monte Paterno, adiacenti alle Tre Cime, costituiscono una stupefacente opera di ingegneria militare.

monte tudaioOpere militari tra cui forti, cunicoli e postazioni risalenti alla Prima Guerra Mondiale, mai però utilizzate, sono visibili a Vigo sul Col Ciampon e sul Monte Tudaio, mentre ai piedi di quest’ultimo si possono visitare le opere in caverna del “Vallo Alpino Littorio”, fatto realizzare da Mussolini tra il 1939 e il 1942.

Le fortificazioni di Col Vidal sull’Altipiano di Pian dei Buoi a Lozzo, completate nel 1914, erano destinate alla sorveglianza e difesa della valle del Piave. Sono costituite da un insieme articolato di manufatti, tra cui due caserme a la batteria corazzata, oltre alle opere complementari (trincee, caverne, postazioni antiaeree, piazzole per cannoni e bunker).

L’intero progetto “Parco della memoria” di Pian dei Buoi è visibile sul sito:  www.lozzodicadore.eu/parcodellamemoria/

Forti Col Vidal - La Grande Guerra nelle Dolomiti

Proprio per raggiungere Col Vidal fu costruita la “Strada del Genio”, etichettata con questo nome dalla gente del posto perché costruita dal Genio Militare. L’arteria sale per 18 chilometri con un dislivello di circa 1.100 metri con un susseguirsi di tornanti e muri a secco, dall’abitato di Lozzo di Cadore in direzione di Sorasale e Le Spesse per raggiungere ‘la monte’.